Ecobonus 2022 Sconto in fattura

 In .News.

Il 16 marzo è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il cosiddetto Decreto MiTE – Prezzi Bonus Edilizi, altrimenti definito Decreto Costi Massimi che fissa, appunto, i nuovi costi massimi specifici del Superbonus e altri bonus. L’entrata in vigore è prevista per il 16 aprile 2022.

A cosa serve il il Decreto MiTE – Costi Massimi?

Il tanto atteso Decreto si applica solo in caso di utilizzo della cessione del credito o dello sconto in fattura per Superbonus, Bonus Facciate, Ecobonus, Bonus Casa e anche in caso di detrazione diretta per Superbonus ma non con 730 precompilato. 

Riassumiamo le nuove disposizioni:

  • i bonus fiscali e l’opzione dello sconto in fattura relativi all’Ecobonus 50% sono confermati fino al 31/12/2024;
  • dal 16 aprile entra in vigore il nuovo prezziario per i limiti di detraibilità, aumentati del 20% rispetto ai precedenti. Pertanto, riguardo le schermature solari, si passa da 230 €/mq a 276 €/mq;
  • il costo limite indicato è al netto di IVA, di prestazioni professionali, di opere relative alla installazione e manodopera per la messa in opera dei beni;
  • in relazione al visto e all’asseverazione di congruità dei prezzi, non occorre presentarli nei seguenti due casi:
    • per gli interventi di edilizia libera (quando non sono necessari SCIA, DIA, “permesso di costruire”);
    • per tutti gli interventi di importo complessivo inferiore a 10mila euro;
  • le fatture – quando l’asseverazione è necessaria – dovranno essere estremamente dettagliate e senza costi impropri, altrimenti non potranno essere asseverate (sono previste sanzioni penali per il tecnico ed il rivenditore in caso di inosservanza delle disposizioni). Entrambi i documenti dovranno essere firmati da un tecnico abilitato iscritto all’albo. Le spese di visto ed asseverazione saranno anch’esse detraibili;
  • inoltre, l’ultimo decreto (correttivo), prevede che sarà possibile cedere il credito al massimo per tre volte di cui solo due in favore di banche, assicurazioni e intermediari finanziari autorizzati, tenendo presente che lo stesso non può formare oggetto di cessioni parziali successivamente alla prima;
  • infine, viene stabilito il divieto di cessione parziale: i crediti non potranno essere frazionati, ma dovranno essere cedute tutte le dieci annualità del credito stesso maturato. 

Post recenti
0

Continuando ad utilizzare il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori Informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close