Tappetto: le 5 caratteristiche per fare la scelta giusta.

 In Blog

In commercio esistono moltissime tipologie di tappeti, per questo è necessario prendere in considerazione molti aspetti differenti per essere sicuri di optare per quello giusto. 

Al di là della scelta che viene fatta in base agli ambienti diversi della casa, esistono alcuni parametri che possono essere considerati “universali” e sono, per cui, da applicare nella decisione per ogni tappeto che si desidera acquistare.

La dimensione

Le dimensioni del tappeto devono sempre essere calcolate in proporzione alla dimensione dell’ambiente in cui questo verrà collocato. 

Un tappeto troppo piccolo rischierebbe di fare lo stesso effetto di uno zerbino e si perderebbe nella stanza, senza aggiungere alcun valore a questa. 

Al contrario un tappeto troppo grande appesantirebbe l’ambiente e lo farebbe risultare più piccolo rispetto a quello che realmente è.

La dimensione giusta deve quindi garantire un margine di pavimento in mostra, ma deve comunque riuscire a coprire l’intera zona dei complementi d’arredo ed essere più grande di questi di circa una ventina di centimetri in modo da racchiudere l’intera area. Dal momento che ogni casa ha dimensioni completamente diverse, Brianzatende propone una vasta gamma di soluzioni in modo da poter trovare sempre il tappeto perfetto. 

La forma

La forma più classica dei tappeti naturalmente è quella rettangolare, ma sono molto richiesti anche i tappeti rotondi. Questi vanno dosati e posizionati nel modo giusto in quanto possono essere abbinati ad ambienti particolari. In stanze lunghe, quali corridoi, ad esempio, la forma rotonda non può essere considerata la migliore perchè non percorre l’intera lunghezza della zona. Al contrario, se siamo in presenza di un ambiente quadrato, i tappeti rotondi possono essere ottimi per evidenziare il punto centrale della stanza. 

Le sovrapposizioni

Le sovrapposizioni di tappeti possono essere molto gradite se si tratta di complementi eleganti e lussuosi, ma bisogna tenere presente che devono seguire un filo conduttore: colori e dimensioni diverse possono essere abbinate insieme solo se lo stile del tappeto risulta lo stesso, infatti le sovrapposizioni solitamente sono fatte con complementi a fantasia damascata. Al contrario non si dovrebbe giocare con questo tipo di abbinamento se si hanno a disposizione tappeti moderni e geometrici da abbinare a fantasie tradizionali, da abbinare a tinte unite e così via…

I colori

I colori del tappeto sono da scegliere in modo che siano in armonia con il resto dell’arredamento: questo non significa seguire per forza le stesse cromie, si può infatti optare per colori in contrasto, ma un punto fondamentale è il pavimento! Le tipologie di pavimento, infatti, sono moltissime e per far risaltare la bellezza del proprio tappeto è bene scegliere colori che non siano molto simili alla pavimentazione in modo che questi possano emergere. Inoltre esistono tipologie di pavimento che non possono essere abbinate a tutti i tappeti, mentre, un pavimento come il cotto o il parquet sono perfetti per tutti i tipi di tappeti: orientali, moderni, damascati…

I materiali

I materiali per i tappeti spesso fanno la differenza per valore, anche economico. 

Naturalmente, la maggior parte delle volte si consiglia di acquistare un tappeto pregiato, realizzato con tessuti e materiali naturali e di qualità, magari fatto a mano, ma non sempre è così.

Esistono situazioni in cui sicuramente tappeti di prezzo e valore inferiore sono da preferire. Se ad esempio in casa si hanno bambini piccoli, si sa che è molto più probabile che sul pavimento o sul tappeto cadano cibi, giocattoli e macchie di ogni genere. Di conseguenza, in questo particolare momento, un tappeto di pregio inferiore, che può essere facilmente cambiato o lavato senza paura di rovinarlo, può rivelarsi una scelta migliore. Allo stesso modo, se si ha un animale domestico in casa, soprattutto se questo è appena arrivato e deve ancora ambientarsi, avere un tappeto che richieda poca spesa, o addirittura non avere nessun tappeto, è la decisione più pratica, perchè si sa che frequentemente i cuccioli fanno i bisogni in giro.

Post recenti
0

Continuando ad utilizzare il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori Informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close